Giffoni film Festival: A scuola con i casari presso la Tenuta Cavalieri del Grifone

L’Associazione degli Allevatori Casari di Azienda Agricola fino al 27 luglio sarà presente al Giffoni Film Festival. In particolare l’accordo con la “Fondazione Giffoni Film Festival” è volta a far comprendere uno spaccato del mondo rurale, espressione della provincia di Salerno. I Casari di Azienda Agricola, gli allevatori, gli zootecnici, gli agronomi e gli esperti della comunicazione (tutti rigorosamente associati) illustreranno ai piccoli giurati del GFF la professione dell’Allevatore Casaro; le attività, iniziate lo scorso 19 luglio, si tengono presso la Tenuta Cavalieri del Grifone. La struttura è stata individuata in quanto idonea per ospitare le podoliche che, per l’occasione, hanno sostato in aree adeguatamente realizzate. Grazie alle caratteristiche della tenuta, i partecipanti alle attività  potranno aiutare gli allevatori a mungere o foraggiare le mucche. La struttura, che insiste su tre ettari, è anche una scuola di equitazione con annesso maneggio e ricoveri per i cavalli; la struttura è attraversata da un torrente ed ha un’area picnic e piazzole di sosta per i camperisti. “L’idea di sostenere le attività dell’Associazione degli Allevatori Casari di Azienda Agricola della provincia di Salerno” ha spiegato Attilio Tedesco (foto in basso), direttore della struttura, “è dovuto al modus operandi dell’Associazione, in linea con le attività svolte dalla nostra Tenuta: nasciamo come associazione dedita al turismo equestre” ha spiegato Tedesco “e poi oltre al trekking, nel corso degli anni, ci siamo specializzati per ospitare gli amanti dell’equitazione sportiva. Presso la nostra tenuta, oggi, si pratica la doma, l’addestramento dei cavalli e la formazione di allievi (per le discipline di monta classica ed americana), alcuni dei quali hanno partecipano ai campionati regionali e nazionali. In sintesi la nostra utenza è amante della natura e del mondo rurale ed ospitare gli allevatori casari di Salerno è stato per noi dare un ulteriore servizio alla nostra utenza”.

Precedente Tuffo nel Rio Santa Marina, successo per l'iniziativa Successivo NOTTE EUROPEA DELLA RICERCA – 27 settembre 2019