Filiere corte e turismo rurale: l’idea di sviluppo territoriale parte dall’Università di Salerno

I rappresentanti dell’Università di Salerno, della Regione Campania, delle Comunità Montane, dei GAL e dei sindaci dei Comuni della Valle del Tanagro si sono incontrati presso la “Casa delle Parole” di Auletta, in occasione del convegno “Le filiere corte per lo sviluppo delle produzioni tipiche nelle aree interne della provincia di Salerno”, per individuare strategie finalizzate a fermare il calo demografico delle aree interne.

==========================================================================

da sinistra:  Dott. Raffaele Accetta, Presidente Comunità Montana Vallo di Diano; Pietro Pessolano, Sindaco del Comune di Auletta; Dott. Franco D’Orilia, Presidente Fondazione MidA; Dott. Nicola Parisi, Sindaco del Comune di Buccino e Presidente del GAL “I sentieri del buon vivere”; Dott. Giovanni Caggiano, Presidente Comunità Montana Tanagro – Alto e Medio Sele

===========================================================================

L’incontro nato per fare sintesi sulle possibili opportunità delle aree marginali, e di come il mondo rurale possa diventare protagonista e trainante per l’economia del territorio, è stato voluto dal Dott. Michele Cerrato, Professore di Economia e Politica Agraria dell’Università di Salerno e da Pietro Pessolano, primo cittadino del Comune di Auletta, il quale ha sostenuto l’idea di sviluppo territoriale proposta dal docente universitario. Cerrato ritiene di poter realizzare modelli sostenibili a fronte di una attenta analisi delle caratteristiche dei territori coinvolti, di elaborare una valida offerta a fronte di una attenta analisi della richiesta del mercato e contestualmente “offrire” una adeguata formazione ai soggetti interessati. <<Ma in primis>> ritiene il docente del campus di Fisciano <<ci deve essere la volontà dei cittadini, soprattutto dei giovani; sono essi infatti i protagonisti e con loro bisogna costruire il futuro di questi territori>>.

=======================================================================

 Da sinistra:  Prof. Michele Cerrato, Docente del CdS in Gestione e Valorizzazione delle Risorse Agrarie e delle Aree Protette Dipartimento di Farmacia, Università di Salerno; Prof.ssa Marialuisa Saviano, Comitato Tecnico Ordinatore del CdS in Gestione e Valorizzazione delle Risorse Agrarie e delle Aree Protette – Dipartimento di Farmacia, Università di Salerno;  Dott. Giuseppe Gorga Dirigente Assessorato Agricoltura della Regione Campania – UOD Servizio territoriale provinciale Salerno

==========================================================================

L’idea è quella di coinvolgere non solo gli enti locali, ma anche i dipartimenti dell’Università di Salerno: professionisti con competenze specifiche che dovranno, d’intesa con il territorio, porre in essere tutte le azioni necessarie per soddisfare le richieste del mercato nell’ambito del turismo rurale, un turista che cerca itinerari alternativi a quelli tradizionali. I comuni della Valle del Tanagro sono vocati al turismo rurale e sono pronti per creare villaggi turistici rurali, ciò si è concretizzato grazie alla politica locale degli amministratori che tanto hanno fatto in questi anni: dai sindaci ai presidenti delle Comunità Montane, dai GAL alle associazioni di volontariato. <<adesso corre l’obbligo di giocare una partita importante per il futuro dei nostri giovani>> così il primo cittadino di Auletta Pietro Pessolano ha interpretato il sentimento comune dei presenti <<non bisogna perdere tempo altrimenti il costante calo demografico desertificherà questi territori. Abbiamo la necessità di formare i giovani che dovranno operare in questo conteso ed inserire le nostre comunità, la nostra variegata offerta, nei circuiti turistici nazionali ed internazionali >>.
L’incontro non è stato un semplice momento per confrontarsi e proprio dalla “Casa delle Parole” le parole non resteranno tali; a breve saranno formulate una serie di proposte per realizzare una cabina di regia che possa muovere i primi passi e nei prossimi giorni, i docenti dell’Università di Salerno, proporranno agli amministratori intervenuti la sottoscrizione di un documento per chiedere all’Assessorato all’Agricoltura di rifinanziare al più presto la Misura 16.4.1  <<Una Misura nata per favorire le filiere corte e lo sviluppo delle produzioni tipiche nelle aree interne>> così come ha ricordato il dirigente dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania, Giuseppe Gorga <<sottovalutata dagli stessi imprenditori agricoli, ma presa in considerazione dal GAL “I sentieri del buon vivere”>>.

 

Precedente i PAT in Irpinia - di Stanislao Scognamiglio Successivo il funghetto store