L’I.S.I.S Isabella D’Este “insegna a vivere all’italiana”

Si è tenuto lo scorso 8 giugno, in Piazza del Gesù, nel centro storico di Napoli, “Street ‘ncuoll”: un progetto di moda e design realizzato dall’I.S.I.S. Isabella D’Este Caracciolo, inserito nel “Giugno Giovani”: iniziativa del Comune di Napoli, giunta alla settima edizione, ideata dall’Assessorato ai Giovani dell’Ente partenopeo, nata per animare i quartieri della città attraverso mostre, incontri, laboratori e spettacoli.
Anche quest’anno gli alunni del D’este hanno lavorato durane tutto l’anno scolastico ad una delle più belle e coreografiche manifestazioni inserite nel calendario di “Giugno Giovani 2019”: Stritt ‘ncuoll; l’inizativa è stata una spettacolare esibizione artistica, ma soprattutto una sfilata di moda i cui capi di abbigliamento ed accessori sono stati ideati e realizzati dagli alunni nei laboratori dell’I.S.I.S. Isabella D’Este, frutto di una attenta osservazione della Street Art di artisti quali Jean Michel Basquiat, Keith Haring, Banksy, Clet Abraham, Obey, Blu, Cyop & Kaf, Raro, Bosoletti, Jorit, Lume.
Grande soddisfazione è stata espressa dal Dirigente Scolastico Dott.ssa Giovanna Scala la quale ha sottolineato come la danza, la musica, l’arte e la moda possano coinvolgere i giovani <<il grande lavoro svolto da tutto il personale docente è palese, così come è evidente l’impegno degli alunni coinvolti nel progetto>> ha tenuto a specificare il D.S. Scala <<ad essi è diretto il mio messaggio di congratulazioni. In Piazza c’era la nostra scuola con i diversi indirizzi di studio. Docenti ed alunni tutti hanno dato il massimo affinché l’evento non fosse solo la manifestazione della nostra scuola, ma una vera e propria kermesse che ha catturato un gran numero di passanti e turisti>> . Sono proprio i turisti di passaggio ad aver apprezzato lo spettacolo proposto nel salotto della movida napoletana: un luogo in cui enogastronomia, storia, cultura, arte, spettacolo e, grazie al D’Este Caracciolo, moda, si fondono per insegnare a vivere all’Italiana. Ciò è possibile anche grazie all’intenso lavoro svolto dall’Amministrazione Comunale che da anni , d’intesa con i cittadini sta costruendo il cambiamento, ma con la consapevolezza che lo stesso parte dalla scuola, così come ha sostenuto Luigi De Magistris che ha partecipato all’iniziativa con l’Assessore Alessandra Clemente.

Precedente La scuola che parla il linguaggio dei ragazzi: “Riscattiamoci”: Successivo Manna: "così rilanceremo il Museo Archeologico Dell'agro Atellano"